I grandi gruppi editoriali: GeMS

I grandi gruppi editoriali: GeMS

A differenza di Mondadori (di cui abbiamo parlato qui), il Gruppo GeMS non si presenta al pubblico come un’unica realtà e per molti lettori non è un marchio riconoscibile. Eppure produce il 10 per cento dei libri italiani (tra cui moltissimi best seller) e la società a cui fa capo controlla due catene di librerie, il più grande e-commerce italiano e le più importanti società di distribuzione di libri.

La galassia del gruppo GeMS

Il gruppo editoriale Mauri Spagnol (GeMS), così denominato in omaggio ai due fondatori, è nato a Milano il 13 ottobre 2005 ed è frutto della profonda intesa tra due grandi famiglie di editori. Ha aggregato 10 case editrici e 18 marchi editoriali, tra cui Garzanti (che a sua volta controlla Corbaccio), Adriano Salani editore, Longanesi, Bollati Boringhieri editore, Tea, Antonio Vallardi Editore, il 90 per cento di Guanda, il 56 per cento de La coccinella, il 50 per cento di Chiarelettere, che tra le altre cose possiede una quota del giornale Il Fatto Quotidiano.

Questo significa che GeMS ha lanciato in Italia la saga di Harry Potter e la collana delle Garzantine, autori come Luis Sepulveda, Wilburn Smith, Clara Sánchez, Nick Hornby, Jonathan Safran Foer.

Il gruppo è anche editore della rivista specializzata in libri ed editoria Il Libraio.

Gruppo Gems Libri

La governance

La holding, guidata da Stefano Mauri (presidente e amministratore delegato, insieme a Luigi Spagnol amministratore delegato) è controllata da Messaggerie Italiane per il 70,08 per cento, dalla famiglia Spagnol per il 21,85, da Elena Campominosi per il 5 e da Andrea Micheli per il 3,07.

Il bilancio e l’origine dei ricavi 

Si tratta del terzo gruppo italiano per dimensioni, con una quota di mercato del 10,2 per cento: il bilancio 2015 si è chiuso a quota 430 milioni di euro, di cui 80 legati all’attività di editore che GeMs conduce attraverso le controllate, mentre il resto del business (ossia la parte più consistente) proviene dall’ingrosso e dalla distribuzione.

GeMS è infatti controllata per il 70,08 per cento da Messaggerie Italiane che è il più grande distributore di libri italiano: si stima che un libro su tre in Italia venga gestito da Messaggerie.

La “piovra” distributiva

Gruppo Gems Messaggerie struttura

Messaggerie Italiane è, dunque, un vero e proprio impero della distribuzione: attraverso la controllata EmmeEffe Libri Srl (a sua volta controllata dalla holding Emmelibri) detiene, infatti, il 100 per cento di Messaggerie Libri Spa, di FastBook  Spa (società che si occupa della vendita all’ingrosso di prodotti editoriali) e di Opportunity, che  si occupa della vendita di libri “fuori catalogo” e della distribuzione di libri e prodotti editoriali nel settore della grande distribuzione organizzata (Gdo).

Emmelibri controlla direttamente Internet Bookshop Italia (Ibs.it, la versione italiana di Amazon, che detiene anche una quota rilevante – il 15 per cento- di Mymovies.it) e IE-Informazioni Editoriali (società che si occupa della gestione di database e nella fornitura di servizi informativi per il mondo del libro), oltre che Emme Promozione Srl (specializzata nei servizi promozionali per librai ed editori, ma con un approccio “multiprodotto”: non solo libri ma anche giochi, per bambini e di società, cartotecnica, oggetti di design), il 50 per cento de “Il Libraccio”, il 50 per cento di Stock Libri Srl e di Ubik Srl, il retail in franchising del gruppo.

Post correlati
Lascia un commento
Captcha Clicca sull'immagine per aggiornare il captcha .